Nino Aragno Editore Logo

CERCA PER:


EVENTI

Letture poetiche da "La cadenza sospesa" di Valentina Colonna

Torino 29 gennaio 2018

Alla Feltrinelli Express Valentina Colonna legge alcune poesie dalla sua raccolta "La cadenza sospesa".

Presentazione del libro "Famiglie monastiche" di Maria Chiara Giorda

Torino 8 febbraio 2018

Al Circolo dei Lettori si presenta il libro "Famiglie monastiche" di Maria Chiara Giorda.

Le Collane Nino Aragno Editore

Biblioteca Aragno

Enea Silvio Piccolomini

DIALOGO SU UN SOGNO

a cura di Alessandro Scafi

2004

Stampa la scheda stampa questa scheda

immagine scheda libro

ISBN: 978-88-8419-064-9

€ 15,00

Prezzo: € 15,00

Il Dialogo su un sogno fu ispirato dall'emozione per la caduta di Costantinopoli, un avvenimento agghiacciante per l'Occidente che vi vedeva i prodromi della sua fine a fronte della espansione turca ed islamica. Quando Enea Silvio Piccolomini inviò il racconto di questo sogno interrotto a Juan de Carvajal erano già passati più di tre anni senza che i Principi cristiani fossero riusciti a reagire all'umiliante sconfitta del 1453. Ed in una lettera aggiungeva: «Ho ancora un'amica, un'amica che non mi delude mai, quando ricorro a lei. Vi chiedete chi sia mai questa amica? È un'amica nobile e potente e gradita a Dio: il suo nome è Filosofia. Lei insegna all'uomo ad accontentarsi di ciò che ha; e a volere ciò? che può accadere, se ciò che vuole non può accadere. Non parlo di quella filosofia di cui oggi molti si vantano, parolaia e ciarliera, ma di quella filosofia che Socrate richiamò dal cielo e che fu amata dal vostro compatriota di Cordova, Seneca...»

Enea Silvio Piccolomini (1405-1464), papa Pio II, grande umanista e mecenate insigne. Cospicua e in gran parte legata alla sua attività politica fu la produzione di opere a carattere storico e storico-geografico: l’Historia Gothorum (1453), il Tractatus o Dialogus, dialogo di ispirazione dantesca in cui discusse la donazione di Costantino (1453-55), l’Historia Boemica (1458), l’Historia Friderici III imperatoris (1452-58) e il De Europa (1458). Tra il 1462 e il 1463 scrisse la sua opera più importante, i Commentarii rerum memorabilium quae temporibus sui contigerunt in dodici libri; ad essi aggiunse un tredicesimo libro rimasto incompiuto.


Per acquistare in contrassegno un libro inviare la richiesta con i propri dati a info@ninoaragnoeditore.it