Nino Aragno Editore Logo

CERCA PER:


EVENTI

Presentazione del libro "Vivendo e in parte vivendo" di Sergio Livio Nigri

Milano 28 febbraio 2017

A Palazzo Sormani si presenta il libro "Vivendo e in parte vivendo", di Sergio Livio Nigri.

Presentazione del libro "L'occasione del '56" di Antonio Giolitti e Luigi Longo

Roma 2 marzo 2017

Alla Biblioteca del Senato si presenta il volume Antonio Giolitti-Luigi Longo "L'occasione del '56. Alla ricerca del socialismo", a cura di Andrea Ricciardi.

Le Collane Nino Aragno Editore

Biblioteca Aragno

Arthur Rimbaud

NON SONO VENUTO QUI PER ESSERE FELICE

Corrispondenza (vol. I 1870-1886; vol. II 1887-1891)

traduzione e cura di Vito Sorbello

2014

Stampa la scheda stampa questa scheda

immagine scheda libro

ISBN: 978-88-8419-668-2

€ 50,00

vedi il contributo multimedia

Prezzo: € 50,00

Dopo aver dato prova di essere un grande poeta, a soli vent’anni Rimbaud gira le spalle alla letteratura per farsi prima avventuriero di lunghe erranze e poi trafficante di ogni cosa sulle rive del Mar Rosso. Questo abbandono della poesia per molti è rimasto un vero mistero. Un mistero che diventa scandalo quando si scopre ciò che Rimbaud della poesia voleva fare: un’esperienza fondamentale che implicava la totalità della vita e dell’essere.

Arthur Rimbaud (Charleville 1854-Marsiglia 1891). Il ribelle, il maledetto, il brutale disgregatore della morale e della tradizione, la cui rivolta, espressa nella Lettre du Voyant, bene si inquadra nella corrente della nuova letteratura post-romantica. Pubblica nel 1873 Une Saison en enfer e compone, tra questo stesso anno e il 1875, le Illuminations (pubblicate nel 1886 dall’amico Verlaine). Dal 1874 al 1879, abbandonata la poesia, Rimbaud vaga tra l’Europa e l’Asia, si impiega come capocantiere in una cava di pietre a Cipro. Nel 1880 si trasferisce come agente commerciale in Abissinia, dove trascorre gli ultimi dieci anni della sua vita tra Aden e Harar. Poi, la malattia, il ritorno a Marsiglia, nel giugno del 1891, l’amputazione della gamba e la morte.

Vito Sorbello per la casa editrice Aragno ha tradotto e curato: Viaggio in Italia di Taine (2003); la corrispondenza tra Gustave Flaubert e George Sand, Fossili di un mondo a venire (2004); Gli Dei antichi di Mallarmé (2008); l’edizione integrale del Journal. Memorie di vita letteraria dei fratelli Goncourt (7 voll., 2007-2009); le Memorie di Talleyrand, principe di Benevento (5 voll., 2011); i Lunedì. Principesse, amanti, salonnières e muse galanti di Charles-Augustin de Sainte-Beuve (3 voll., 2013); la corrispondenza di Arthur Rimbaud Non sono venuto qui per essere felice (2014); la corrispondenza di Stendhal Il laboratorio di sé (6 voll., 2016-2017).

 

 

Altre pubblicazioni dell'autore:

 

Arthur Rimbaud

IN QUESTI DESERTI SENZA STRADE

immagine scheda libro

€ 15,00

ISBN 978-88-8419-818-1


Per acquistare in contrassegno un libro inviare la richiesta con i propri dati a info@ninoaragnoeditore.it

 

leggi un estratto