Nino Aragno Editore Logo

CERCA PER:


EVENTI

Presentazione del libro "La buona causa" a cura di Stefano Verdino

Torino 18 aprile 2018

All'Università degli Studi di Torino si presenta il libro "La buona causa. Storie e voci della Reazione in Italia" a cura di Stefano Verdino.

Presentazione del libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro

Roma 26 aprile 2018

All'Università di Roma Tre si presenta il libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro.

Presentazione del libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro

Milano 2 maggio 2018

Alla Bilblioteca Sormani si presenta il libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro.

Le Collane Nino Aragno Editore

Biblioteca Aragno

Giovanni Tosi

DELLA VITA D'EMMANUEL FILIBERTO

a cura di Gabriella Olivero

2014

Stampa la scheda stampa questa scheda

immagine scheda libro

ISBN: 978-88-8419-684-2

€ 60,00

Prezzo: € 60,00

Il De vita Emmanuelis Philiberti, pubblicato nel 1596, fu commissionato all’umanista milanese Giovanni Tosi (Ioannes Tonsus) dal duca Carlo Emanuele I che intendeva onorare la memoria di suo padre e rafforzare il prestigio della stirpe sabauda presso le altre corti europee. Il ritrovamento della traduzione italiana preparata dallo stesso Tosi, rimasta manoscritta e qui presentata a fronte del testo latino, permette ora la rara opportunità di leggere e confrontare le due redazioni dell’opera, mentre le note biografiche, che identificano ciascuno dei personaggi citati, consentono di recepire la fitta trama di relazioni tra Emanuele Filiberto e le corti di antico regime e di restituire nella sua integrità un grande affresco storico.

Giovanni Tosi (Milano 1528-1601) fu umanista e uomo politico, scrittore prolifico e poeta; compose sia in italiano sia in latino; oltre alla sua opera maggiore, il De vita Emmanuelis Philiberti, redasse anche un’altra biografia, la Vita Alphonsi Avalos Marchionis Vasti; tradusse in latino le omelie del vescovo Francesco Panigarola e fu anche autore di non pochi carmi latini, a carattere encomiastico o occasionale, che gli diedero fama e furono più volte pubblicati. Dottore in utroque iure, fu preposito di Brera, ma fu coinvolto nella congiura ordita contro Carlo Borromeo; dopo lo scioglimento dell’ordine degli Umiliati, cui apparteneva, divenne provveditore generale dello studio pisano, cavaliere dell’ordine di Santo Stefano e consigliere di stato di Carlo Emanuele I.


Per acquistare in contrassegno un libro inviare la richiesta con i propri dati a info@ninoaragnoeditore.it

 

leggi un estratto