Nino Aragno Editore Logo

CERCA PER:


EVENTI

Presentazione del libro "La buona causa" a cura di Stefano Verdino

Torino 18 aprile 2018

All'Università degli Studi di Torino si presenta il libro "La buona causa. Storie e voci della Reazione in Italia" a cura di Stefano Verdino.

Presentazione del libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro

Roma 26 aprile 2018

All'Università di Roma Tre si presenta il libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro.

Presentazione del libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro

Milano 2 maggio 2018

Alla Bilblioteca Sormani si presenta il libro "La passione della letteratura" di Luigi Sampietro.

Le Collane Nino Aragno Editore

Passages

Vittorio Foa

UN PERCORSO DEL NOVECENTO

Intervista di Sergio Soave, a cura di Sergio Anelli.

2004

Stampa la scheda stampa questa scheda

immagine scheda libro

ISBN: 978-88-8419-211-0

Omaggio

Omaggio

Un'intervista da cui scaturisce un documento vivo, significativo e vibrante. Una lezione accattivante per tutti, prodotta da un percorso di vita complesso, insolito e affascinante. La pubblicazione comprende il DVD dell'intervista.

Vittorio Foa è nato il 18 Settembre 1910 a Torino da una famiglia di origine ebraica. Nel 1931 si laurea in Giurisprudenza e due anni dopo entra nel movimento di Giustizia e Libertà. Inizia così per lui un periodo di attiva cospirazione e di forte impegno politico contro il regime fascista. Il 15 Maggio 1935, all’età di 25 anni, viene arrestato su segnalazione di un confidente dell’O.V.R.A. e denunciato al Tribunale Speciale Fascista che lo condannerà a 15 anni di reclusione, nel carcere di Civitavecchia. Suoi compagni di cella saranno Ernesto Rossi, Riccardo Bauer e Massimo Mila. Uscirà dal carcere il 23 Agosto 1943, all’età di 33 anni. Dal settembre del 1943, raggiunta la libertà, partecipa attivamente alla Resistenza come dirigente del Partito d’Azione. Il 2 Giugno 1946 viene eletto deputato all’Assemblea Costituente e membro della “Commissione dei 70”. Nel 1953 viene eletto deputato nelle liste del Partito Socialista e sarà confermato per altre due volte. Nel 1955 diventa segretario nazionale della FIOM e due anni dopo entra nella segreteria della CGIL. Nel 1970 decide di lasciare gli incarichi sindacali e di ritirarsi a studiare. Insegnerà Storia Contemporanea nelle Università di Modena e Torino, ma non cesserà di fornire il suo contributo al movimento operaio attraverso numerose pubblicazioni.


Per acquistare in contrassegno un libro inviare la richiesta con i propri dati a info@ninoaragnoeditore.it