Nino Aragno Editore Logo

CERCA PER:


EVENTI

Letture poetiche da "La cadenza sospesa" di Valentina Colonna

Torino 29 gennaio 2018

Alla Feltrinelli Express Valentina Colonna legge alcune poesie dalla sua raccolta "La cadenza sospesa".

Presentazione del libro "Famiglie monastiche" di Maria Chiara Giorda

Torino 8 febbraio 2018

Al Circolo dei Lettori si presenta il libro "Famiglie monastiche" di Maria Chiara Giorda.

Le Collane Nino Aragno Editore

Licenze poetiche

Ludovica Ripa di Meana

TEODIA

2003

Stampa la scheda stampa questa scheda

immagine scheda libro

ISBN: 978-88-8419-132-7

€ 12,00

Prezzo: € 12,00

Questi quattro monologhi sono proprio monologhi? Vediamo. Ciò esula, è la deposizione in Corte d'Assise d’una povera donna cui il marito ha assassinato l’unico figlio bambino per furore di desiderio: a domanda risponde, ma le domande di magistrati e avvocati non si sentono, e Luciana dialoga con il silenzio della disperazione. E col silenzio, un silenzio punteggiato dall’iterazione d’un rantolo, dialoga Il principe furente: un ragazzo che rinfaccia al padre di avergli inflitto un’educazione narcisisticamente complice, senza ingiunzioni e divieti, senza il coraggio mai di farsi odiare. Il marito di Vlasta è un pingue e anziano fiscalista che, costretto a farsi a piedi cinque piani di scale, dialoga col silenzio di Dio, che ha permesso al cancro di assassinare la sua enorme, amatissima moglie-boema. Teodia, invece, «monologo interrotto», è la tirata teatrale d’un attore che declama le proprie ragioni disponendosi a officiare un sacrificio teologico: consegnare alla morte una figlia in coma irreversibile, interrompendo i sinistri rituali dell’accanimento terapeutico; ma una povera donna e un enigmatico gatto frantumano con l’irruzione della pietà la delirante performance. Tre dialoghi, dunque, ridotti allo scheletro tragico dell’impossibilità del dialogo. e un monologo che fallisce sconfessando la superbia ontologica di giudicare della vita e della mone. Quattro testi in endecasillabi sciolti: l’autrice, che in versi ha scritto tre romanzi e la tragedia Kouros, convinta com’è che «disciplinando ritmicamente un materiale verbale discontinuo, eterogeneo, spesso vile, il verso restituisce alla sua elementare energia di canto l’afona tragicità del quotidiano», persevera nella sua temeraria e affascinante scommessa di produrre un teatro popolare di poesia.

Ludovica Ripa di Meana è nata a Roma nel 1933. Ha lavorato nell’editoria, nel giornalismo, nel cinema e in televisione. Ha scritto per Adriano Celentano Il paradiso è un cavallo bianco che non suda mai (1982) e, per Federico Zeri, la rielaborazione di cinque lezioni d’arte: Dietro l’immagine (1987). Da una lunga conversazione con Gianfranco Contini ha ricavato le pagine di Diligenza e voluttà (1989). Ha pubblicato tre romanzi in versi: La sorella dell’Ave (1992), Rosabianca e la contessa (1994), Marzio e Marta (1998). per il teatro ha scritto una commedia, Andiamo, una tragedia in versi, Kouros (Aragno, 2002, vincitrice del Premio Viareggio per la poesia) e, in versi, tre monologhi: Ciò esula, Il principe furente, Il marito di Vasta e un monologo interrotto, Teodia (Aragno, 2002).

 

 

Altre pubblicazioni dell'autore:

 

Ludovica Ripa di Meana

KOUROS

immagine scheda libro

€ 11,00

ISBN 978-88-8419-083-5

Ludovica Ripa di Meana

LA FINE DEGLI A

immagine scheda libro

€ 14,00

ISBN 978-88-8419-243-9


Per acquistare in contrassegno un libro inviare la richiesta con i propri dati a info@ninoaragnoeditore.it