Guerrieri e mercanti unisce “storie del medioevo genovese”: sono quelle di Caffaro, di Guglielmo Embriaco, di Ursone da Sestri, di Simone Boccanegra, di Anselmo Adorno, di Cristoforo Colombo e di Andrea Doria; attraverso le vicende di questi uomini viene descritta e analizzata la metamorfosi di una città e di una civiltà protagoniste della storia dell’Occidente e della storia del Mediterraneo. Genova è, poi, in questo ricco affresco, la città europea che dialoga, tra Oriente e Occidente, con l’Islam e Bisanzio, la Spagna e la Repubblica di Venezia.