Il volume riunisce i contributi offerti in occasione del centenario della nascita di Natalino Sapegno dai tre insigni studiosi su Dante, l’autore da lui ininterrottamente servito con devota dedizione. La raccolta, aperta da un ricordo di Agostino Lombardo, è dunque il richiamo a non lasciar cadere il saldo riferimento che Sapegno continua a rappresentare per la cultura italiana.