The Conduct of Life esprime la piena maturità di pensiero di Ralph W. Emerson, segnandone, al tempo stesso, una significativa svolta in direzione di un’applicazione ‘pratica’ – etica, sociale e politica – di quei princìpi dell’emanatismo neo-platonico che, fin dal primo momento, avevano caratterizzato il peculiare approccio teoretico al problema dell’essere umano da parte del Trascendentalista. Contro un’idea di Zeitgeist connessa a una filosofia della storia largamente attestata all’interno dei circoli hegeliani statunitensi del tempo, Emerson risolve il problema dello spirito dei tempi in una ‘questione pratica’ sul «condurre la vita» e il cruciale tema del passaggio alla modernità si apre a una inedita chiave di lettura che non mancherà di trovare ascoltatori pronti a recepirne le più stimolanti suggestioni anche in ambiente filosofico europeo.