…di solito si dice «i personaggi di questo racconto sono puramente immaginari ecc. ecc.»; in questo caso dovrei dire il contrario, qui i personaggi sono tutti veri, vero Willi, vera la signora Elvi (ma il suo vero nome era Susi) solo leggermente aggiustate le situazioni, a cominciare dal mio interesse per Willi – questo sì, del tutto inventato: insomma, un mix di falso e di vero; che poi è sempre stato il mio modo di raccontare, partendo da un fatto reale, e ricamandoci su…
(Camilla Salvago Raggi)