I tre saggi qui raccolti furono pubblicati per la prima volta su «Teoria politica» rispettivamente nel 1985, nel 1987 e nel 1989, e cioè nei primi anni di vita di una rivista che si proponeva di «mettere a confronto filosofi della politica e scienziati della politica, e di invitare alla collaborazione e all'interazione filosofi e sociologi, storici, politici e giuristi» – così ne riassumeva il programma Norberto Bobbio, che qualche tempo dopo la definiva «giovane ma già autorevole» e poi ancora «bella, nata da poco ma già affermata», e destinandovi i suoi saggi ne aiutava la crescita e la diffusione. Essi vengono ora riuniti non soltanto perché si tratta dei tre più importanti contributi di Bobbio alla vita della rivista – che è uscita dal 1985 al 2009, diretta da me – ma anche per conservare la memoria di un’esperienza culturale importante perché si proponeva come impegno «di corrente» (come si sarebbe detto una volta), mirante a chiamare studiosi non soltanto italiani, giovani e meno, a discutere i temi fondamentali della realtà politica contemporanea, nelle loro dimensioni più problematiche e complesse avendo come riferimento fondamentale la teoria della democrazia.
(Luigi Bonanate)