Il volume si propone di offrire una biografia intellettuale di Walter Lippmann (1889-1974), presentando al pubblico italiano l’itinerario di un public philosopher impegnato, per tutta la carriera e nonostante alcuni indubbi mutamenti di prospettiva, ad affrontare uno degli interrogativi più pressanti del Novecento: quello delle possibilità di attuazione di un vero regime democratico nell’era delle società di massa. Sullo sfondo di un itinerario affascinante, troviamo i temi cari all’età progressista, il dibattito a distanza con John Dewey sulla natura del pubblico, la ferma denuncia dei collettivismi e dei totalitarismi, le difficili sfide internazionali degli Stati Uniti, che si stavano risvegliando da un lungo isolazionismo per dare forma a quello che è stato definito il “secolo americano”.