«Vi sono almeno tre ragioni per cui questo piccolo libro è oggi particolarmente interessante. È uno dei migliori profili biografici di Cavour. È opera di un uomo che fu molto noto e discusso tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, ma è oggi ignorato da quasi tutti i suoi connazionali. Contiene considerazioni ancora attuali sui rapporti fra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica.»
                                     Sergio Romano