L’assassinio di Pier Paolo Pasolini, avvenuto nella notte tra il primo e il due Novembre 1975, all’Idroscalo di Ostia, diede origine a una serie di inquietanti interrogativi. In questo romanzo Sergio Anelli proietta il lettore nel clima in cui si verificò il delitto, sia per ciò che concerne le indagini, sia per approfondire il senso di quella violenta e tragica scomparsa. Due protagonisti, una giovane assistente di regia sul set di “Salò” e un giornalista francese, attraverso l’analisi di fatti, di avvenimenti e di dati, totalmente e assolutamente autentici, dipanano la matassa complessa delle ragioni, degli odi e delle convenienze del Palazzo, che portarono a morte il poeta. L’esito è quello illuminante della presa di coscienza che con la scomparsa di Pasolini, profeta tanto lucido quanto inattuale, finiva una fase della nostra Storia e si affermava quella linea civile, politica, persino umana che caratterizza la nostra società negli anni di fine e di inizio millennio.