Questo volume raccoglie per la prima volta un corpus di articoli pubblicati da Federico De Roberto negli anni cruciali di formazione della sua officina poetica, che affrontano alcuni fra i temi più sofferti della «crisi di fine secolo» e insieme documentano la complessa riflessione filosofica e culturale presupposta dalla sua opera, prescindendo dalla quale risulta difficile comprenderne lo spessore tematico e la portata innovativa. A Federico De Roberto, troppo a lungo ridotto dalla critica letteraria a mero epigono del Verismo, spetta infatti il merito di avere sviluppato per primo nel panorama italiano tecniche di rappresentazione fondate sulla destrutturazione dell'epistemologia positivista, proponendo soluzioni narrative già connotate in senso relativista: esiti che aprono al Novecento, pienamente consapevoli e anzi programmatici, come gli articoli qui raccolti contribuiscono a dimostrare.