Questo volume raccoglie il romanzo di formazione sulla giovinezza – Biografia a Ebe (1942) – secondo la revisione dell’autore in Trame (1982), l’unica raccolta di elzeviri, prose di viaggio e racconti di Mario Luzi, che qui si ripubblica integralmente. Il volume è incrementato dai ricordi e i vari tombeaux per amici, scritti nella sua lunga e operosa vecchiaia e qui riuniti in De quibus, secondo un progetto vagheggiato dall’autore nel 2004. L’appendice di testi a scelta del curatore mostra infine porzioni di un ‘sommerso’ (su giornali e riviste d’epoca) quanto mai affine e complementare a Trame, incrementando, nei testi più antichi, le ricognizioni dei luoghi (anche dentro la propria città) ed in quelli più recenti le testimonianze di fedeltà all’amicizia. In unico volume si possono così leggere tutte le prose narrative e di viaggio (tra cui i taccuini sull’India, la Cina e l’Irlanda) di uno dei maggiori poeti del nostro Novecento, e riscoprire una scrittura lontana dai canoni d’epoca della prosa d’arte e capace di attraversare una convulsione sperimentale e approdare ad una linearità in bianco e nero, sempre sensibile ai margini delle ‘zone d’ombra’.