Questo Commentario penniano è il primo commento integrale alla poesia di Sandro Penna che si va sempre più rivelando come uno dei maggiori poeti italiani del’900. Amato da alcuni dei più illustri scrittori e artisti del nostro tempo, la sua opera va lentamente penetrando nel gusto dei lettori più sensibili, compresi gli studenti delle nostre facoltà letterarie. Un commento non è un saggio critico. Un saggio critico è come un cavallo. Se ha buoni garretti, e per quanto focoso possa essere, il cavaliere lo porterà, al trotto o al galoppo, dove vuole. Il commento invece è sempre lui che ci porta; e non troveremo una sola meta, ma tante, che potrebbero reagire l’una con l’altra e proporci cose che non credevamo di trovare. Leggere non chiude, ma apre: il lettore si troverà di fronte a un poeta completamente rinnovato.