Scrivere un libro di poesia significa sempre fare i conti con la storia, quella personale e quella della forma che configura l’esperienza, la mette quasi in trama e la rende più leggibile di quanto non fosse, per così dire, dal vivo... È sotto questa costellazione che si colloca il libro di Stefano Carrai. (Niccolò Scaffai)