Il 19 luglio 1870 la Francia dichiara guerra alla Prussia nel generale tripudio patriottico di un’opinione pubblica conquistata dalla stampa imperialista. Edmond de Goncourt si trova a Bar-sur-Seine, dove trascorre i giorni nella costante presenza di un’assenza, quella del fratello Jules la cui morte era avvenuta esattamente un mese prima. La guerra si rivela così un’opportuna diversione alla sua pena. Con la vera ubiquità del cronista, Edmond si sposta da un quartiere all’altro della capitale per essere quanto più possibile vicino agli avvenimenti, ritrarne la verità istantanea. Nonostante l’elitismo politico e sociale ostentato, Edmond de Goncourt ci ha lasciato una delle testimonianze più vaste, dettagliate e suggestive del dramma storico che ha vissuto Parigi nel tempo dell’Assedio e della Comune.