Ultime Opere

Le Opere Nino Aragno Editore di ultima pubblicazione
STRATEGIA

Carlo Bordini

STRATEGIA

i domani

«Quando qualcuno parla, fa più chiaro», scrive la psicoanalista austriaca Hermine Hug-Hellmuth nel Diario di una giovinetta prefato da Sigmund Freud. Un libro «scritto per dire delle cose a una persona», dunque «per non impazzire» – come dichiara Bordini nella sua prefazione – fa rinsavire chi lo legge, perché punta un faro da ring sulla sua vita, non soltanto amorosa, ma di relazione. La tenace Strategia di Bordini è mettere in scena la confusione che segue all’apparir del vero, che presenta sé stesso in parvenza d’«amore», ma riverbera la sua ombraluce fino allo stato inerme dell’infanzia. Strategia è infatti scritto senza risparmio e non risparmia neanche l’autoavverarsi della profezia di morte (simbolica) all’avversario amoroso che, in questo caso, coincide col primo lettore. E pure noi, lettori postumi all’amore qui dato, riceviamo diretti in pieno viso, se mai una volta siamo stati investiti dallo spavento che chiamiamo «amore». Bordini prova a emanciparsi dall’ossessione trasferendo in contesto agonistico la «donna de lo schermo» dantesca, che ora diventa una «sparring-partner» ma poco dopo, nient’affatto salvo, scrive il nome dei nomi, mamma, con la voce che quasi gli fallisce per i singhiozzi, spostato nel tempo senza tempo della psiche Il seme del piangere di Giorgio Caproni – che, a sua volta, lavorava un seme dantesco. Con Bordini, che invoca la madre passando attraverso la perdita della donna amata, torniamo dunque due volte al padre della nostra poesia: una per via diretta (la «donna de lo schermo») e una per via indiretta (il piangere caproniano) ma, soprattutto, attraversiamo il confine tra così detta realtà e scienza interiore, tra follia e ragione, dunque tra vita e morte, conosciamo per negazione come in Montale («so chi non amo») e ritorniamo a noi come rinati, come sciacquati da una colonna d’acqua, per metà pianto e per metà futuro. Maria Grazia Calandrone

Vai all'Opera
LE RELAZIONI

Sara Ventroni

LE RELAZIONI

i domani

Per tradizione sono pericolose. Le Relazioni, policentrica opera terza di Sara Ventroni, segue a due concept-album, di contro, ossessivamente centripeti: Nel Gasometro e La sommersione. S’interseca a questi libri nonché a uno, narrativo, che non ha mai visto la luce; ed è frutto di un’esistenza che, negli interstizi fra un libro e l’altro («ritiri temporanei» come quello dell’amazzone che vola più in alto, reculer pour mieux sauter), è stata tanto altro dalla poesia. “Altro”, sempre, è il soggetto poetico: insonne della «loro insonnia», nell’episodio più traumatico. Ma soprattutto ci sono gli altri: «la verità di qualcun altro» è la regola delle «relazioni» che – mi scrive Sara – non sono i «legami». Se questi tengono «ferme le cose», le relazioni sono invece «l’imprevisto», «l’inconosciuto tra persone, oggetti e paesaggi». Sta di fatto che «da una relazione si può uscire. Anche se la relazione lascia tracce». Le tracce degli altri materiavano la lezione del maestro che più manca, la pietà oggettiva del Pagliarani cui sono dedicati non solo le Ottave e gli Epigrammi della prima parte. Ce l’ha insegnato lui, che la forma della vita è consustanziale alla forma dell’opera: e infatti «le relazioni», prosegue Sara, «sono il modo in cui parlano i linguaggi». Sino all’estremo di inventarsi in un’altra lingua la sinopia della propria, quest’altro può venire dalla letteratura (come nelle calligrafiche «barbare», che mettono in scena un io mai così “altro”; o nella riscrittura dalla Gertrude Stein che cogli occhi di quell’altro, di quell’altra, “cubisticamente” volle vedersi) oppure, per esempio, dalla militanza delle donne. Ma le relazioni non sono solo fra le persone. Come sempre, nella poesia di Ventroni, la sua è prima di tutto un’intuizione “fisica” della forma della realtà (se è vero che «tutto tiene / tutto, il bosone di Higgs conferma: / ci si appartiene»): sicché l’energia che indomabile la anima non è altro che «il desiderio di esprimere / il ritmo del mondo visibile». Andrea Cortellessa

Vai all'Opera
FINISTERRE

Matteo Meschiari

FINISTERRE

i domani

Un soggetto senza nome e senza corpo, «cieco. Ma con le dita della mente nei recessi d’erba» assiste a ogni origine sulla Terra, uno che è tutti: prende così avvio Finisterre di Matteo Meschiari. Poemetto che affonda radici in una oralità della composizione ma subito si fa scrittura con una sua impronta, mirando apertamente a rovesciare «la geologia in atmosfera l’atmosfera / in forme primitive di terra e la terra in idee/che potevano essere o non essere – ma erano l’adesso». Scrittura composita, che si mimetizza in più voci ed identità, attraversando, tra antropologia, «artico nero» e distopia, tutte le ossessioni dell’autore, legate insieme da una volontà civile. Ed è proprio sull’adesso e l’urgenza del riscaldamento globale, della (possibile) fine della specie umana – di cui ormai siamo a scrivere in modi anche solo pochi anni fa inimmaginabili – che sosta e si chiude un progetto proprio rispetto alla poesia italiana che si fa oggi. Ragionare, finché dura, sull’Antropocene è il compito che Meschiari si è prefisso in opera, e che pratica anche qui, un «pensare attraverso la terra», con l’augurio «che il terreno sia complessità della mente», e che davvero si possa «dire il non detto di ghiaccio», dove il ghiaccio è rovescio del fuoco del clima, ustione mortale. (E certo, la prossima volta il fuoco). Ma intanto, e finché sarà possibile, l’invito di questa poesia è all’incessante movimento, mutamento: «camminare la scogliera/di ciò che accade piuttosto che la scacchiera di ciò che è». Con un corollario, forse involontario: che il bellissimo pianeta mondo viene visto, come direbbe Oliver Sacks, da un animale senziente, e forse ancora più che visto percepito, come nella propriocezione, come se fossimo uno-con: «La manta – la prima la sola – era ciò che si cerca / la sua idea era l’ombra sui coralli / il lato in ombra dei coralli il mio sapere la manta / la manta me stesso – quando immergo pensieri nel mare / e percorro le forme nel corpo dei fondali». Laura Pugno

Vai all'Opera
«RIFARE POUSSIN D’APRÈS NATURE»

Marcello Ciccuto

«RIFARE POUSSIN D’APRÈS NATURE»
Montale e l'arte nel nostro tempo

Biblioteca Aragno

In questo libro si scopre quanto la scrittura poetica e prosastica di Eugenio Montale abbia incrociato situazioni condivise da una quantità impressionante di esperienze artistiche, in un lucido e competentissimo percorso di composizione del proprio immaginario visivo che fa del confronto ininterrotto e dell’accostamento creativo con le epoche, antiche e moderne, dell’operare pittorico o scultoreo o musicale una delle sue cifre meglio riconoscibili. La scrittura del poeta si vede qui aver orchestrato incessantemente le occasioni (per l’età moderna ad esempio trascorrenti fra Impressionismo e Divisionismo, esperienze fauve ed Espressionismo, Metafisica, Surrealismo, Informale…) sulle quali si è venuto sviluppando un insistito esercizio di lettura del mondo sub specie artis. E dunque in queste pagine si fanno emergere i tanti segni che hanno contribuito a definire una diffusa condizione espressiva di Montale,  legata per ciascuna sua stagione creativa alla ricerca della presenza di quei valori assoluti o metafisici dentro l’esistente, invero non sempre avvisabili nelle esperienze dell’arte figurativa di ogni tempo e luogo. Ciò che ha fatto scrivere allora di realismo metafisico per alcune fra le radici profonde e più ‘classicheggianti’ del pensiero montaliano, nonché di una tensione a far lega, visualizzandolo, con lo “spirito del proprio tempo”, nel frequente accostarsi a una linea dell’arte moderna che riconosce in Chardin, Corot, Cézanne o Morandi  i suoi referenti più alti.

Vai all'Opera
LA LETTERATURA COME SPAZIO SPIRITUALE DELLA NAZIONE

Hugo von Hofmannsthal

LA LETTERATURA COME SPAZIO SPIRITUALE DELLA NAZIONE

Biblioteca Aragno

In una epoca di crisi dei valori, un poeta, un grande poeta, si discosta dalla poesia per volgersi in pensatore politico della nobile “rivoluzione conservatrice”, un fenomeno europeo e un moto di ribellione spirituale che ebbe tra i suoi alfieri Nietzsche e Dostoevskij. Una ‘filosofia politica’ mitteleuropea, in contesa con il razionalismo occidentale. Dove si adunano lo spirito della nazione oltre il nazionalismo, la Tradizione, il ruolo fondante della lingua e della letteratura, dei creatori e soprattutto i poeti, gli esemplari più alti dell’umanità che lo stesso Hofmannsthal definiva “persone di spirito”. Questi scritti del poeta austriaco svelano il volto di un mondo in rovina, e la resistenza di chi assunse su di sé lo strenuo compito di immaginare un nuovo destino. L’eco di queste parole ispirate si ripercuotono ancora oggi su di noi. Siamo posti nell’urgenza dello stesso compito: quello di ripensare l’Europa.

Vai all'Opera