Ultime Opere

Le Opere Nino Aragno Editore di ultima pubblicazione
IL PROFUMO IMPERITURO DEL TEMPO

Marcel Proust, Robert de Montesquiou

IL PROFUMO IMPERITURO DEL TEMPO
Lettere e scritti (1893-1921)

Biblioteca Aragno

Quando si conoscono, nella primavera del 1893 a una soirée da madame Lemaire, Proust è poco più che ventenne mentre Robert de Montesquiou, il poeta di nobile lignaggio nelle cui vene scorre sangue merovingio, si avvia alla quarantina. L’immagine di quell’incontro si fissa indelebile nella loro memoria. A tanti anni di distanza Marcel rimane ancora per Robert «il nostro giovanotto», mentre agli occhi eternamente fanciulleschi e deferenti di Proust il fatal conte appare sempre una «persona adulta», «siderale». Avido di duchesse e di arte, Marcel trova in un colpo solo il «sesamo» che apre le porte del palazzo Guermantes e il mentore in grado di iniziarlo ai segreti delle Muse. Montesquiou conosce e manovra gli ingranaggi che muovono la meccanica dell’alta società agonizzante, abitata da creature mitologiche e fantasticata da Proust attraverso l’acquario di Saint-Simon. Docile e ossequioso cortigiano del capriccioso conte Robert, Proust è tra i pochi a scorgere dietro al principe della decadenza, al dandy elegante ed eccentrico che ispira schiere di romanzieri e pittori, un incomparabile «professore di bellezza», una miniera inesauribile di erudizione e salacità, ostentata nella sua pirotecnica conversazione e nella sua copiosa produzione letteraria. Montesquiou è stata la personalità più straordinaria conosciuta in vita da Proust. Senza quell’incontro favoloso e la durevole, feconda amicizia che ne seguì, non avremmo non solo uno dei personaggi più inquietanti e tragici della letteratura moderna, il fantomatico barone di Charlus, ma probabilmente nemmeno l’intera Recherche così come la conosciamo. Prova ne è il loro corposo epistolario e gli scritti raccolti nel presente volume, permeati di simbolismo e poesia, tempestati di parole preziose cesellate da due orafi della scrittura. Da queste pagine d’una grazia infinita e profonda, esala un aroma incantevole e malinconico: il profumo imperituro del Tempo.

Vai all'Opera
L'ANNESSIONE DELL'AUSTRIA AL REICH TEDESCO E ALTRI SCRITTI

Hans Kelsen

L'ANNESSIONE DELL'AUSTRIA AL REICH TEDESCO E ALTRI SCRITTI
(1918-1931)

Biblioteca Aragno

In questa antologia sono raccolti nove testi che Hans Kelsen scrisse tra il 1918 e il 1931. I primi sette si soffermano sul problema dell’annessione (Anschluss) all’Impero tedesco (Reich) dell’Austria tedesca, uno degli Stati nazionali nati dal collasso dell’Impero Austro-Ungarico dopo il Primo conflitto mondiale. Kelsen ribadì la compatibilità dell’annessione con i Trattati di pace e si concentrò sulle necessarie modifiche costituzionali da adottare in Austria e nel Reich. Gli scritti si muovono tra profonde convinzioni giuridiche – tra cui le valutazioni sulla sovranità e sul primato del diritto internazionale – e opportunità politiche: d’accordo con la Socialdemocrazia austriaca, Kelsen scorgeva nell’Anschluss la possibilità di rafforzare la democrazia tedesca. Si trattava di una nuova riunificazione della Germania, profondamente diversa da quella realizzata da Bismarck nel 1871. Kelsen invitava, pertanto, gli Stati europei a non ostacolare quell’unificazione, che avrebbe favorito la pace sul continente. Il suggerimento non fu accolto e, all’inizio degli anni Trenta, a Germania e Austria fu impedito persino di realizzare una semplice unione doganale, alla quale sono dedicati gli ultimi due scritti, entrambi del 1931. Con l’unione doganale Kelsen pensava a un progetto non solo nazionale ma pienamente europeo, bocciato, però, dalle altre potenze. La cui radicale ostilità fu tra le cause del successo dell’Anschluss hitleriano del 1938.

Vai all'Opera
LETTERE DISPERSE

Francesco Petrarca

LETTERE DISPERSE

Biblioteca Aragno

Perché Disperse? La risposta, come in molti casi, va trovata nell’opera dell’Autore stesso. È infatti Petrarca che, in conclusione delle Familiari 24 13 6-7, accenna a lettere non comprese nelle sillogi organiche delle Familiari, delle Senili e delle Sine nomine e, pertanto, non riconducibili ad una sistemazione canonica: «extra ordinem». Sono ottanta lettere che si riferiscono agli anni 1339-1372, tutte dotate di un particolare valore storico e documentale. Con una scelta stilistica che predilige, via via, verso i destinatari, il «tu umanistico» (dall’iniziale e reverenziale voi), in quanto, in una repubblica delle lettere, il senso della comunità riveste più che mai il significato di una vicinanza di intenti, Petrarca si apre, di volta in volta, ai suoi interlocutori, con una particolare vitalità argomentativa che ci fa riflettere sull’importanza del considerare o del riconsiderare l’Autore - sul fondamento del suo epistolario latino - non solo come Poeta del Canzoniere, ma come attento e sensibilissimo osservatore della sua contemporaneità politica, sociale, culturale. Ciò grazie anche alla sua opera di rilettura della tanto amata cultura classica nelle nuove prospettive culturali. I destinatari tutti di queste lettere – da Giovanni Boccaccio a Ludovico di Beringen, dal Papa Urbano V al delfino di Francia Carlo di Valois, da Cola di Rienzo a Jan ze Strěda, per citarne solo alcuni - offrono misura della ricchezza di relazioni del Petrarca con i Grandi dell’epoca e dell’intensità della sua partecipazione ad una realtà complessa.

Vai all'Opera
IRIDESCENZE

Angelo Maria Ripellino

IRIDESCENZE
Note e recensioni letterarie (1941-1976)

Biblioteca Aragno

Questo libro documenta una parte non secondaria del lascito di Angelo Maria Ripellino, il suo côté militante, da cui ritaglia il corpus di recensioni e note di argomento letterario (finora disperse in periodici o riproposte in raccolte parziali) distese in un arco di 35 anni, dai precoci esordi agli ultimi fuochi, così componendo una sorta di biografia intellettuale, il ‘ritratto mobile’ di un maestro, irregolare quanto si voglia, del Novecento. È qui all’opera il ‘sistema’ che guida le esplorazioni di Ripellino, la sua sostanza ‘biologica’. Il suo singolare comparativismo − che cerca «la sincronia e la convergenza delle arti», convocando una pluralità di universi letterari e un’amplissima gamma di ambiti artistici, culturali, di costume − sembra infatti avere origine, prima che in una scelta esegetica (pure ben delineata fin dalle primissime prove), nell’entusiasmo, nell’impulso vitale che vuole tutto abbracciare e tutto stringere, nello slancio acrobatico di una giovinezza bramosa di «reggere il mondo sul mignolo».

Vai all'Opera
GERMANIA 1933-1945: L'EMIGRAZIONE INTERNA NEL TERZO REICH

Marino Freschi

GERMANIA 1933-1945: L'EMIGRAZIONE INTERNA NEL TERZO REICH

Biblioteca Aragno

Il saggio si confronta con una costellazione di scrittori, i quali per motivi diversi decisero di restare nel Terzo Reich, pur non condividendo l’ideologia e la politica del regime e respingendo (tratto, questo, comune e identitario), l’antisemitismo. Potremmo parlare di un gruppo di ‘naviganti’ o di naufraghi incerti tra l’adesione al nazismo o l’esilio. Pur non costituendo una corrente letteraria, presentano forti analogie: in maggioranza lasciarono le grandi città per trasferirsi in piccoli paesi, se non perfino in casolari isolati, in campagna e nei boschi, seguendo una propensione non rara in Germania, che aveva antiche radici, ravvivate nell’età romantica, da cui mutuarono una vivace tendenza verso la spiritualità e la poesia dell’“interiorità”. Altri connotati comuni: una diffusa diffidenza verso la vulgata razionalista insieme a un patriottismo che giungeva fino all’adesione alle tesi della “Rivoluzione Conservatrice”. Alcuni di questi scrittori - come Benn (cui si deve la denominazione) e Jünger costituirono l’Emigrazione aristocratica, tornando volontariamente nell’esercito, un’istituzione che resisteva all’ingerenza nazista.  Quale fu il principale collante di questa nebulosa? L’amore ‘radicato’ per la terra tedesca e per la lingua materna, la Muttersprache.

Vai all'Opera