Ultime Opere

Le Opere Nino Aragno Editore di ultima pubblicazione
PREMESSA ALL'ABITAZIONE - ABITARE, ZANZOTTO

Andrea Zanzotto, Andrea Cortellessa

PREMESSA ALL'ABITAZIONE - ABITARE, ZANZOTTO

Pietre d'angolo

È un paradosso: battezzato alla poesia da dromomani di mitobiografica irrequietudine come Hölderlin e Rimbaud, Zanzotto è stato invece il più stanziale, il più ossessivamente centripeto degli autori. Tranne il servizio militare prestato nelle Marche, alla vigilia dell’8 settembre 1943, e una breve emigrazione in Svizzera alla fine della guerra, Zanzotto non ha mai voluto passare più di qualche giorno fuori da Pieve di Soligo. L’esperienza del “viaggio”, ricordando anche l’esilio del padre antifascista, s’innerva traumaticamente alle tragedie del Secolo Breve: e proprio questo, forse, lo ha sempre trattenuto nell’infinitamente riscritto palinsesto della Heimat. Ancora più radicate nel territorio sono le prose di Zanzotto, bellissime, che solo la magnitudine della sua poesia induce a trascurare: al centro di questo libro ce n’è una straordinaria, Premesse all’abitazione, che nel 1964 metteva a tema la sua «vita abitante» raccontando l’interminabile, nevrotica costruzione della Casa in cui passerà il resto della sua esistenza. La accompagnano cinque altre prose e una poesia dello stesso periodo, più un “fuorisacco” del ’78; solo in parte già noti, questi testi – come dirà a posteriori il loro autore – sono «indagini di quella che poi si autochiarì come coscienza ecologica»: e fotografano – anche fuor di metafora – tic e contraddizioni, scempi architettonici e urbanistici di quel «progresso scorsoio» che la Marca una volta Gioiosa, alla lunga, trasformerà nella “post-natura”, nel «paesaggio» «purulento», «cancerese» e «cannibalese» di Sovrimpressioni e Conglomerati.

Vai all'Opera
UN LUNGO VIAGGIO

Angelo Guglielmi

UN LUNGO VIAGGIO

Biblioteca Aragno

Il lungo viaggio raccoglie l’intera carriera e vita dell’autore testimoniata dalla sua attività di uomo, di critico letterario, di operatore cinematografico televisivo e di politico. Una testimonianza non destinata all’attenzione dei posteri (soltanto una presunzione irresponsabile può decidere dei comportamenti e scelte degli ancora non nati) ma ritenuta necessaria, anzi doverosa, rispetto agli oltre 90 anni che tanto è lunga l’età dell’autore.  Angelo Guglielmi si è impegnato in più di un “mestiere” (anzi ne ha accumulati numerosi anche contraddittori) convinto che in un ’900 così ricco disperso e affollato non bastasse un solo impegno (mestiere) per giustificare (e rimeritare) la vita che gli è stata data. In alcuni ha avuto più riconoscimento e successo in altri meno, ma tutti svolti con la stessa determinazione e impegno (lasciando doverosamente agli anni in cui ha vissuto le sue decisioni). In questo lungo viaggio confluiscono tre dei suoi libri (tra i tanti che ha scritto) ritenuti i migliori e più conclusivi (ovviamente ampiamente ripensati e riscritti, nonché depurati degli aspetti più caduchi appartenenti all’attualità). I tre libri sono 30 anni di impazienza mia pubblicato dall’editore Rizzoli nel 1965 Cinema televisione cinema uscito da Bompiani nel 2013, Sfido a riconoscermi pubblicato da La nave di Teseo nel 2019. Il risultato (della confluenza) è un libro nuovo dunque da rileggere che ci appartiene ancora, che riflette le tensioni, le asprezze, la ricchezza del secolo ’900 in cui tutti abbiamo vissuto. 

Vai all'Opera
STORIA DEL TARDO IMPERO ROMANO

Ernest Stein

STORIA DEL TARDO IMPERO ROMANO

Biblioteca Aragno

Un’opera di ammirevole precisione che si basa interamente su una conoscenza estremamente profonda dei testi e che, per la prima volta, si propone di seguire ― nei dettagli, nella loro complessità ― le trasformazioni del governo e della storia dell’impero al tempo in cui dal primigenio Stato romano comincia a formarsi lo Stato bizantino. Con una scrupolosità e una minuziosità che non lasciano in ombra nessuna questione importante, Stein segue il destino dell’impero di Costantinopoli alla fine del V secolo e nella prima metà del VI secolo. In particolare ― grazie ad uno studio ineguagliato delle opere coeve ― il libro di Stein getta una nuova luce sulla storia dei regni di Anastasio, di Giustino e di Giustiniano. È sufficiente paragonare il racconto serrato di Stein ai libri, giustamente classici di Bury e di Charles Diehl, per constatare i progressi che sono stati realizzati. Certamente le grandi linee storiche restano immutate, ma i dettagli sono stabiliti con implacabile rigore, in stretto ordine cronologico, da uno studioso che non si rimette mai, su nessun punto, al giudizio altrui. Questo libro, il cui valore risiede nella sua minuziosa esattezza, farà compiere un grande passo alla nostra conoscenza della storia bizantina ai suoi inizi. Louis Halphen

Vai all'Opera
GENIO DELL’INFANZIA CATTOLICA

Roberto Rossi Precerutti

GENIO DELL’INFANZIA CATTOLICA

Licenze poetiche

Autorizzato a cogliere, fin nel titolo, una dissimulata antifrasi dell’apologia del cristianesimo di Chateaubriand, il lettore può chiedersi quale particolare forma di genio illumini il paesaggio di un’infanzia cattolica. Forse, sembra dirci l’autore, il precoce dimorare in un «guscio di inquietudine» all’appalesarsi di ingannevoli splendori e lusinghiere promesse, arresi «a quel tanto di notte portata nelle mani». O ancora la scoperta, «oltre la siepe lucida del sonno», di un niente spalancato sull’inanità del desiderio di felicità e sullo specchio buio del cuore dove si abolisce il riso della vita. L’infanzia è dunque iniziazione a una conquista di sé che precipita nella parola impronunciata di un dio distratto, i cui rari doni la nostra fulgida cura invano reclama. Il percorso di questa moderna lezione di tenebre sviluppatosi nelle prime parti del libro, in cui l’affiorare di remoti accadimenti autobiografici si mescola allo struggente ricordo di amici scomparsi (il tombeau di Camillo Pennati) e alla voce degli amati poeti, trova il suo compimento nella sezione finale, Autoritratto in veste di David, dedicata a Giorgione. Nell’attraversamento dell’opera del maestro rinascimentale, infatti, c’è come l’indicazione di una vocazione e di un destino ai quali nessuno può sottrarsi: «perché senza emblemi di morte duri questo enigma di luce riconquistata».

Vai all'Opera
IMPARA A MORIRE, NON A UCCIDERE

Lucio Anneo Seneca

IMPARA A MORIRE, NON A UCCIDERE

Biblioteca Aragno

In realtà, il direttore unico della politica imperiale fu Seneca (Concetto Marchesi)

Vai all'Opera